Luciana Caramia

I miei prodotti top del 2018

Share

Pic via @emmahoareau

 

Fine anno si sa, è tempo di bilanci. Anche quelli beauty. Ecco perché ho messo insieme il mio best of in fatto di skincare e makeup. I prodotti con cui mi sono trovata meglio durante l’anno appena trascorso, le scoperte più piacevoli e gli acquisti centrati in pieno. Mi sento in dovere però di fare una precisazione. La beauty routine è qualcosa di strettamente personale: ci sono prodotti che hanno la fortuna di centrare un target di persone molto ampio (nascono così ì bestseller, i cosmetici più amati e venduti). In generale però, ognuno di noi ha esigenze e peculiarità diverse dagli altri, non solo nella tipologia di pelle ma anche nello stile e nelle abitudini d’uso. Inutile pensare di seguire i 10 step della routine koreana se siete tipe da acqua micellare e via.

 

Detersione

E proprio dalla pulizia parto con due dei prodotti che ho usato (e sto usando ancora) con piena soddisfazione: il primo è il Dermalogica Special Cleansing Gel, un detergente schiumoso e delicato che uso come step finale per una pulizia quotidiana. Dermalogica è un brand americano arrivato in Italia proprio quest’anno. Si tratta di cosmeceutici (quindi a metà tra cosmetici e farmaci) utilizzati nei centri estetici. Io l’ho scoperto provando un trattamento in cabina realizzato nel punto Dermalogica di CityLife a Milano.

L’altro prodotto top è la Beauty Water di Son&Park, che ho scoperto essere uno dei bestseller di questo brand koreano. Si tratta di un tonico multiuso che deterge come un’acqua micellare, esfolia e riequilibra il ph della pelle chiudendo i pori. Insomma, un multitasking utilissimo, che ho acquistato da MIIN Italia, il primo negozio di cosmetica coreana a Milano (in via San Nicolao, 2).

 

Tonico ed essenza

Affini alla Beauty Water ma molto diversi per ingredienti sono questi altri due prodotti: il primo è il Glow Tonic di Pixi (lo trovate da Sephora) che contiene il 5% di acido glicolico. Regala una lenta ma progressiva esfoliazione, che illumina letteralmente il viso.

Il secondo non è un tonico ma rientra nella categoria delle Essenze: si tratta del Facial Treatment Essence di SKII, un prodotto anche questo made in Corea, la cui formula è invariata da ben 30 anni. Contiene, infatti, un mix di vitamine e aminoacidi capace di esfoliare e stimolare il rinnovamento della pelle. Una curiosità: è nato da un’intuizione e dall’osservazione delle mani di chi lavorava alla preparazione del sake, la celebre bevanda. Le mani, seppur costantemente immerse nell’acqua, rimanevano particolarmente giovani rispetto al resto del corpo.

 

Skincare viso

 

Tra le creme che ho amato di più ci sono loro: la prima è la Dynamic Skin Recovery Spf50 di Dermalogica. È l’unica crema idratante, con un filtro così alto, che si assorbe completamente senza lasciarle la classica patina bianca data dallo “schermo solare”. Si è rivelata indispensabile vista la mia passione per i prodotti esfolianti e ricchi di acidi, che non va certo d’accordo con il sole pakistano…

Il secondo prodotto è un siero: il Serum Resurfacing di Tata Harper, di cui vi avevo già parlato qui (trovate questo brand nel corner The Beauty Aholic Shop alla Coin in Piazza 5 Giornate a Milano o sul loro sito).

 

 

Le maschere

 

Ne provo tantissime perché non posso più farne a meno. Qui in foto ne vedete 3 ma mi sono trovata benissimo anche con una di Saturday Skin scovata su Cult Beauty. In genere, infatti, amo le sheet mask per la loro praticità d’utilizzo. Ma non disdegno quelle che posso applicare la notte, le cosiddette sleeping mask.

Rientrano in questa categoria quella di Filorga, Sleep&Lift, ricca e corposa, dal potere liftante e la famosa Watermelon Sleeping Mask di Glow Recipe, che invece oltre a idratare agisce anche sul turnover cellulare.

Più recentemente, infine, ho provato la chiacchieratissima Jet Leg Mask di Summer Friday, un vero e proprio cult su Instagram che in America va letteralmente a ruba. A una prima impressione devo dire che non mi ha conquistata, ma poi ne ho personalizzato l’uso, preferendo applicarne uno strato sottile prima di andare a letto, senza rimuoverla. In questo modo mi aiuta a evitare i classici segni da cuscino (visto che amo dormire a pancia in giù).

 

Capelli

 

Per quanto riguarda la chioma, chi mi segue su Instagram vede spesso il Wave Spray di Ouai, che mi sento di consigliarvi se amate le onde. Ma sono questi due prodotti in foto ad avermi conquistata quest’anno: il primo è un siero notte di Shu Uemura, che applico sui capelli prima di andare a letto (grazie Nico per avermelo segnalato). Il colore è lo stesso, inconfondibile, del celebre olio alla camelia e la texture è di facile assorbimento (non unge e non si fanno pasticci sul cuscino). Il secondo prodotto è una maschera: tutte quelle di questa serie by Davines sono assolutamente straordinarie. Non è una novità recentissima ma davvero non posso farne più a meno.

 

Makeup

Partiamo dalla base: il primo fondotinta di cui mi sono innamorata quest’anno è lo Shameless di Marc Jacobs, perfetto se amate una bella coprenza ma comunque modulabile. Poi c’è il fondo minerale Norskenn di Idun, un marchio svedese che potete trovare in farmacia o nella BioProfumeria Alkemilla (dove l’ho acquistato io). E infine, il fondotinta cushion di Giorgio Armani Beauty, che è stato il mio imprescindibile alleato durante l’estate. I fondi di Armani regalano sempre grandi soddisfazioni, ma questo in particolare ha la capacità di coprire senza “appiattire”. Il finish è luminoso e naturale.

 

Per quanto riguarda i correttori, invece, il primo che ho scoperto quest’anno è stato quello di Omorovicza, perfetto se avete la pelle mista (io lo uso sul mento). Mentre quello in crema di By Terry ha una formula cremosa ibrida a metà tra skincare e makeup, che lo rende ideale per il contorno occhi, perché idrata e copre, senza segnare le piccole rughette. Infine, due fondi ad altissima coprenza: il correttore con applicatore a spugnetta di Charlotte Tilbury Magic Away, sempre per il contorno occhi e quello compatto di Laura Mercier, per le zone più grasse (è molto secco ma davvero sui brufoli è eccezionale). Il consiglio? Applicateli sempre dopo il fondotinta e con un pennellino piccolissimo. In questo modo non stratificate e coprite solo dove serve.

 

Cipria&co

Veniamo alle polveri, con cui opacizzare e dare un tocco di colore al viso. Nessuna è ancora riuscita a spodestare la palette Bronzer Blush Naked Flushed di Urban Decay: in un prodotto solo trovate terra, blush e illuminante, da usare singolarmente o insieme. È a prova di sbaglio. Se non amate l’effetto strong del contouring o cercate un prodotto facile poi è perfetta.

Infine, tra le ciprie volatili ho scoperto la Soft Light Blurring Powder di Becca, una polvere fissante effetto perfezionatore che dona una piacevolissima sensazione di fresco sulla pelle, opacizzando e uniformando.

 

Labbra

Infine, i rossetti che ho amato di più. Mi piacciono le formule cremose, che non segnano e non finiscono nelle rughette (visto che non sono più 20enne). Ve ne segnalo solo due: i LiquidLove di ClioMakeup (in particolare il MLBB) che nonostante la formula mat non segnano e rimangono impeccabili a lungo. Inoltre, sempre con la stessa finitura opaca ci sono i rossetti di Charlotte Tilbury, in particolare la nuance Pillow Talk (peccato che Luigi abbia deciso proprio stamattina di distruggerlo!).

E per quanto riguarda le palette occhi? Non amo i trucchi mirabolanti, per questo utilizzo poche palette con colori basici e quella realizzata dalla makeup artist Violette per Estée Lauder è un perfetto passe-partout dalla mattina alla sera.

Adesso tocca a voi! Ditemi i vostri preferiti o fatemi sapere se tra questi c’è già qualche prodotto che amate!

Ma soprattutto vi auguro un Buon Anno, pieno di … bellezza!

I miei prodotti top del 2018

Join the discussion

Ho provato il metodo de La Coach delle Unghie e non ho mai avuto le mani così belle

Read

Buoni a splendere: ecco il segreto per un makeup super luminoso

Read

Piccole strategie di sopravvivenza per i voli ad ampio raggio

Read

Instagram