Luciana Caramia

Beauty talk con Marika Zaramella: di self confidence e corpo consapevole

Share

Se c’è un’influencer che per me è l’epitome della Gen Z quella è Marika Zaramella, alias @leitalienne. Marika ha perfettamente coscienza di sé e del suo corpo, tanto da avergli dedicato anche un altro profilo, @corpoconsapevole: la bellezza che traspare è fatta di self confidence, brufoli non celati dal filtro, sguardo sicuro e peluria esibita con orgoglio. Qui siamo lontani anni luce dall’estetica a cui Instagram ci ha abituati. Lei che con la bellezza ci lavora – è makeup artist autodidatta e content manager per il brand indie di makeup Espressoh – non si cela dietro filtri piallanti, gioca con la macchina fotografica come se fosse da sola in casa, davanti allo specchio e non davanti a poco meno di 30K follower.

Il suo modo di vivere la bellezza è perfetta espressione di, è gioco e sperimentazione. Facile, infatti, vederla sfoggiare eyeliner iper grafici, esagerare col makeup effetto drag, per poi struccarsi con enfasi drammatica davanti allo specchio. O magari fotografare il rossetto rosso del cuore spalmandolo dovunque, denti compresi.

Anche il rapporto con la beauty routine è diverso da quello che le Millennials hanno adorato: a discapito dei 10 step della skincare coreana adesso – come ci racconta lei stessa – predilige un approccio più skinminimalist. Pochi prodotti ma incisivi.

Vediamo cosa ci ha raccontato di sé:

Quanto tempo dedichi alla beauty routine?

«Sempre meno. Adoravo fare la skincare con mille passaggi invece ora sono più minimale. Uso meno prodotti per il viso e più mirati ma comunque passo la maggior parte del mio tempo a coccolarmi tra bagni aromaterapici e impacchi ai capelli mentre lavoro da casa».

Che tipo di pelle hai?

«La mia pelle è mista, la zona T produce più sebo rispetto alle guance, che sono più secche e sensibili».

Ultimo prodotto scoperto?

«Il siero alla vitamina C di Drunk Elephant. Mi piace perche non contiene profumo (anche se l’odore mi ricorda il salmone affumicato) e perche oltre alla vitamina c contiene enzimi. È perfetto per le macchiette post brufolo!».

Quando vuoi rilassarti…

«Metto la mia playlist “chilletty”, ordino del cibo e mi faccio una maschera».

 

Profumo preferito…

«Chanel Numero 5, è il mio profumo da sempre! Mi piace moltissimo anche Nerotic di Laboratorio Olfattivo. Sono una femme fatale, che ci posso fare! 😜».

Da chi ti fai ” influenzare” quando si tratta di bellezza?

«Da @theglowtale, @paulaschoice e spesso anche da te!».

Prossimo desiderio beauty da realizzare.. 

«Provare Biologique Recherche!».

Hai mai provato la medicina estetica? Cosa ne pensi?

«Purtroppo non le ho provate, ma non escludo di provarle in futuro. Ho fatto solo l’hydrafacial una volta, un trattamento che lascia la pelle suuuuper glowy e idratata, ma mai altro. Mi incuriosiscono i peeling professionali, le vitamine o le iniezioni di acido ialuronico che ho sentito essere super per la pelle acneica. Per quanto riguarda il botox, attualmente non è una cosa che mi interessa ma vedo già le prime rughe sulla fronte, e non escludo un giorno di farlo. Sono comunque per la bellezza naturale e per valorizzare il proprio viso senza esagerare o trasformarlo, ma non mi sento di giudicare chi lo fa. È importante sentirsi bene con se stessi».

Cosa ti ha insegnato la Pandemia?

«Di non fare programmi. Ho rivalutato un sacco il modo in cui spendevo il mio tempo e ho capito quanto ne ho sprecato senza rendermene conto. Ho fatto una lista di cose da fare quando la pandemia finirà, voglio uscire dalla mia zona di comfort».

Infine, se la tua skincare avesse un sottofondo musicare sarebbe…

«Sarebbe indubbiamente qualsiasi canzone di Solange! ».

Beauty talk con Marika Zaramella: di self confidence e corpo consapevole

Join the discussion

Beauty Talk: Tia Taylor, una bellezza che ‘conta’

Read

Beauty chat con Lorenzo Bises: di piccoli piaceri quotidiani e nuovi riti

Read

30 idee regalo per il Natale 2020: dai 10 ai 200 euro

Read